storia vocazionale | RUTH

Sono nata a Topeka, Kansas, il 6 settembre 1988, e sono cresciuta a St. Mary e Topeka.

Mi sono laureata all’Università del Kansas nel dicembre 2011 con una laurea in Viola Performance.

Direi che sono un’artista nel cuore. Ho iniziato a studiare il violino quando avevo 5 anni e la viola quando ero al college. Amo la musica, l’arte, l’artigianato di tutti i tipi e tutto ciò che richiede creatività. Mi piace contemplare la bellezza nel mondo che mi circonda e amo quando posso pregare attraverso la mia arte. Sono organizzata, ma di solito abbastanza accomodante, anche se quando finalmente mi decido su qualcosa, posso diventare anche irremovibile. Amo avere conversazioni con le persone e camminare fianco a fianco con loro nel loro cammino di fede. Ho una speciale devozione e amore per l’Eucaristia, specialmente l’adorazione, e uno dei miei santi preferiti è San Pietro Giuliano Eymard, conosciuto come l’apostolo dell’Eucaristia.

La mia storia di vocazione:

Crescendo, non mi sarei mai aspettata di essere chiamata alla vita religiosa. Verso la fine del mio primo anno di università, ho iniziato la direzione spirituale con Sr. Lory e ho cominciato ad avere una vita di preghiera. All’inizio andavo all’adorazione una volta alla settimana, forse due, poi gradualmente ogni due giorni, e alla fine del mio secondo anno, pregavo un’ora ogni giorno. Non riuscivo a stare lontano dalla Sua amorevole presenza nell’Eucaristia. Col senno di poi, vedo che Dio mi stava corteggiando prima ancora che me ne rendessi conto.

Al mio terzo anno, però, uscivo con un ragazzo e stavo seriamente considerando il matrimonio, mentre la vita religiosa non era davvero all’orizzonte. Tutto questo è cambiato un fine settimana mentre stavo aiutando con un ritiro alla KU e pregavo per ore nell’adorazione come parte della “squadra della cappella”. Non avevo mai trascorso così tanto tempo in una volta sola davanti a Gesù nel Santissimo Sacramento, e ricordo che sono andata via da quel fine settimana pensando: “Wow, quello, quel tempo con Gesù, quella è la vera vita; il resto, la scuola, il lavoro… non è così reale, non è abbastanza”. Dopo quel fine settimana, avevo un desiderio così ardente di stare con Lui in Adorazione, e ogni giorno, quando andavo a pregare, potevo letteralmente sentirlo tirare il mio cuore. Sapevo che Lui voleva qualcosa di più da me, ma ero confusa e non sapevo esattamente cosa potesse essere.

Nel frattempo le Apostole della Vita Interiore stavano tenendo un ritiro silenzioso, e decisi di andarci per sentire meglio ciò che il Signore stava cercando di dirmi. Fu uno dei momenti di preghiera più belli e intimi che abbia mai vissuto, e cominciai davvero a convincermi che Dio poteva chiamarmi a consacrare la mia vita a Lui. Ma il momento definitivo è arrivato per me con la meditazione di Elena sulla storia in cui Gesù incontra la Samaritana al pozzo. Descriveva come Gesù facesse a questa donna ogni sorta di domande personali per incontrarla più profondamente. Questo è il punto in cui mi piace dire che Suor Elena ha “giocato a fare Dio”, perché , come faceva Gesù, ha posto alcune domande ad alcune di noi ragazze. Ho avuto la strana sensazione che stava per dire il mio nome, e sicuramente mi ha chiesto: “Ruth, cosa vuoi veramente?”.
A questo punto, mi sono fermata e sapevo che questa era la domanda della mia vita e dovevo rispondere. Ma non dovevo pensare o ragionare, sapevo e basta, e risposi nel mio cuore: “Tutto ciò che voglio veramente sei tu, Signore”. E con questo sì, fui riempita di una gioia e di una pace che non avevo mai provato prima. Sapevo che in quel momento, Lui mi aveva chiamato ad essere la Sua sposa, e sapevo che la mia risposta era sì.

Ho incontrato le Apostole per la prima volta all’Università del Kansas durante il mio primo anno (autunno 2007).

La mia prima impressione fu che erano molto gioiose e piene di preghiera. Un’immagine che mi è rimasta impressa è quella di vedere Susan pregare in Adorazione, con tanta riverenza e amore per Gesù presente nell’Eucaristia. Lei e tutte le sorelle uscivano sempre con sorrisi così radiosi sui loro volti, sapevo che erano veramente felici, e io volevo quel tipo di vera felicità.

Ho iniziato l’esperienza con la comunità nel gennaio del 2011, quando mi sono trasferita con la comunità a Lawrence nella Fiat House. Ho vissuto con loro per un anno mentre finivo la mia laurea alla KU e continuavo il mio discernimento. Nel gennaio del 2012 sono entrata ufficialmente nella Casa di Formazione di Roma, per iniziare i miei studi di filosofia e teologia , iniziare a ricevere formazione e fare apostolato in Italia. Il 12 dicembre 2015 ho fatto le promesse di povertà, castità e obbedienza.